Lavoro e stress: come liberarsene

Rate this post

Lavoro e stress: come liberarsene

Lavoro e stress sono due fenomeni che vanno di pari passo. Non è facile gestire i momenti di crisi, l’accelerazione dei tempi di decisione, le situazioni di incertezza.

Lavoro e stress: ma cosa si intende con stress?

Lo stress è una reazione emotiva intensa a una serie intensa di stimoli. Questi stimoli mettono in moto risposte fisiologiche e psicologiche di natura adattiva. Gli sforzi della persona possono fallire quando lo stimolo da affrontare supera la capacità di risposta. In questo modo segue lo stress cronico e la persona si sente vulnerabile. Si presenta così la malattia psichica legata a lavoro e stress di tipo psichico e somatico.

Ad introdurre la parola stress fu W.B. Cannon e fu poi ridefinita da H. Selye. Secondo questi studiosi la parola stress vuol dire “la risposta non specifica dell’organismo a ogni richiesta effettuata ad esso”. Esistono diversi agenti stressanti secondo la psicologia. Per esempio stressanti sono: stimoli fisici come il caldo e il freddo, sforzi muscolari, stimoli emozionali, attività sessuale ecc. La risposta dell’organismo è l’attivazione dell’asse ipotalamo ipofisi da cui si liberano i corticosteroidi.

Lavoro: quando diventa intollerabile

Il lavoro è ciò che ci nobilita e ci fa muovere e agire quotidianamente. E’ per noi indispensabile lavorare ed è una questione importantissima. Tuttavia non tutti gli ambienti di lavoro sono sani. Molto spesso accade che si creano dei disagi così forti da provocarci uno stress insopportabile. Svegliarsi all’alba tutti i giorni, correre per non fare ritardo, l’elevata quantità di faccende da svolgere, i colleghi che non aiutano in questa situazione. In questo modo lavoro e stress diventano due sinonimi che ci annientano e ci fanno perdere tutte le energie.

Lavoro e stress

Alcuni lavori richiedono un grande sforzo mentale mentre altri richiedono un’elevata energia fisica. Tutti questi sforzi possono prosciugarci le energie e renderci vulnerabili. Cosa fare allora per moderare lo stress da lavoro? Non è semplice rispondere a questa domanda poiché il lavoro è indispensabile per vivere e andare avanti. Nonostante questo è possibile seguire dei suggerimenti per tenere sotto controllo lo stress. Per esempio ritagliare dei momenti della giornata per riappropriarsi delle proprie energie è un’ottima soluzione. Come fare? Qualsiasi sia il lavoro che tu svolgi dovresti provare a trovare almeno un’ora per dedicarti a qualcosa che può farti piacere.

Il lavoro non deve essere la tua unica ragione di vita

Il lavoro non deve essere il tuo unico interesse e la tua unica ragione di vita. Sicuramente è una parte fondamentale della tua vita ma non dedicarci 24 ore su 24. Inoltre stai attento a non ossessionarti con la precisione, tutti possono avere dei momenti di calo in cui si è meno produttivi. Non punirti nei tuoi momenti “no” ma prendili come un’occasione per essere più comprensivo e gentile con te stesso. Non sempre si può essere produttivi al 100 per cento ed è normale che ci saranno momenti in cui le energie calano e non devi rimproverarti.

I tuoi obiettivi e i tuoi impegni dovrebbero essere il più possibile flessibili. Non devi fissarti degli obiettivi eccessivamente difficili da raggiungere. Non essere troppo severo con te stesso e non pretendere oltre il limite. Tra un lavoro e l’altro puoi prenderti un attimo di pausa per respirare e riprendere le forze. Non fare le cose in maniera ossessiva ma datti un momento per rilassarti e riposarti.

Un altro consiglio che posso darti è di trovare un po’ di spazio per dedicarti alla meditazione e al rilassamento. Praticare l’autoconsapevolezza aiuta a sentirsi più stabili e ad accettarsi maggiormente. Con questi piccoli accorgimenti dovresti evitare di trovarti in una sindrome di “bornout”, ovvero di completa sopraffazione dallo stress da lavoro. Se la situazione dovesse diventare insostenibile puoi rivolgerti ad uno specialista che potrà aiutarti a ritrovare la tua stabilità e il tuo equilibrio.

Quando devi preoccuparti e chiedere l’aiuto di uno specialista?

Se a causa del tuo stress da lavoro dovessero presentarsi dei sintomi ben specifici è forse il caso di rivolgersi ad uno specialista. Alcuni dei sintomi che possono presentarsi e che richiedono attenzione sono: insonnia, irritabilità, tendenza a fare uso di sostanze e consumo di alcol, emicrania, problemi nel rapporto con i colleghi. In questi casi, quando la situazione diventa intollerabile, è arrivato il momento di farsi aiutare da una persona competente. Puoi trovare facilmente nella tua città uno psicologo del lavoro che può insegnarti delle tecniche utili a fronteggiare le problematiche da lavoro e stress.

Uno specialista ti aiuterà ad imparare a pianificare la tua giornata, gestire la concentrazione, non perdere di vista la motivazione, ridurre il lavoro multitasking ecc. Tutte queste tecniche ti aiuteranno a liberarti dallo stress da lavoro e a ritrovare la tua armonia.

Come incide un problema di lavoro sul cervello e come superarlo

Psicologo: verso la professione

Di cosa parlare con uno psicologo (argomenti)

I 3 disturbi (psicologici) più diffusi e comuni

https://it.wikipedia.org/wiki/Stress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.