La triangolazione in psicologia: la terza persona tra 2

La triangolazione in psicologia: la terza persona tra 2
5/5 - (4 votes)

La triangolazione in psicologia: la terza persona tra due

In una relazione di qualsiasi tipo, da quelle amorose a quelle di amicizia o di lavoro, la comunicazione si stabilisce tra due persone e sono quelle due persone che devono scambiarsi temi, idee, consigli, emozioni, sentimenti (nel caso delle relazioni amorose) e la comunicazione deve realizzarsi principalmente tra i due soggetti che compongono la relazione.

Può succedere, in diverse circostanze, che all’interno della relazione tra due persone si inserisca una terza persona che va a mediare la comunicazione tra i due membri della relazione.amicizia litigio.

Questo tipo di relazione in “tre” viene chiamata in psicologia “triangolazione”. Nella triangolazione la comunicazione non è più diretta tra i due membri della relazione e può accadere che si crei della disinformazione e che si verifichino dei disguidi e delle incomprensioni.

Tutto questo può portare alla comunicazione indiretta tra i due partner della relazione e il tipo di dinamica che si viene a creare può portare alla confusione tra i due partner.

Soprattutto nelle relazioni amorose questa dinamica della triangolazione può portare ad una relazione squilibrata e questo può succedere anche nelle relazioni di amicizia.

La dinamica della triangolazione, quindi, non è vista positivamente in ambito psicologico perchè si viene a creare una dinamica tossica che può portare alla rottura della relazione.

La triangolazione in psicologia

La triangolazione, quindi, è una dinamica da evitare, è importante comunicare in maniera diretta con il proprio partner o amico e non attraverso terze persone.

La triangolazione può avvenire anche all’interno della famiglia e questo può portare a continui litigi e situazioni familiari difficili e confuse. Dialogare in maniera diretta con la persona interessata e non attraverso la triangolazione, è la risposta giusta a molte problematiche all’interno dei rapporti.

Soprattutto nella famiglia è importante essere sinceri e manifestare le proprie opinioni e le proprie emozioni per non incorrere in liti familiari gravi e rotture all’interno del nucleo familiare.

Se si creano situazioni familiari particolarmente problematiche si può ricorrere ad una terapia sistemico-relazionale, ovvero ci si può rivolgere ad uno psicoterapeuta di coppia e di famiglia che può sciogliere quei nodi tossici che si sono creati tra i componenti della famiglia.

litigio.

L’educatrice risponde ai tuoi perchè! Prova gratuitamente

Allontanare lo stress dalla tua vita…in che modo?

La psicoterapia può essere una valida ed efficace soluzione a un problema psichico

Traumi ed effetto trigger in psicologia: non tutti reagiscono allo stesso modo agli eventi

Il ghosting nelle relazioni sentimentali (psicologia)

Buon umore: 6 consigli utili a diventare i nostri alleati

Psicologia inversa in amore: come e quando usarla

1a regola: usare i social con astuzia, ingegno e soprattutto rispetto

triangolazione.

triangolazione 2

Pubblicato da Silvana Santospirito

Amante della scrittura e della psicologia; animalista che crede fortemente nei diritti di tutti gli esseri viventi; amante anche della musica, in particolare del pianoforte. Laureata in scienze dell'educazione e della formazione e laureanda in scienze pedagogiche. Spero di trasmettere positività e buon umore attraverso gli articoli di questo blog.