Non sentirsi soli e non stare troppo in solitudine può allungare la vita alle persone anziane

Rate this post

Secondo recenti studi anche lo stato d’animo di una persona anziana può influire sulla sua longevità. Una persona anziana sempre sola e sempre triste ha meno probabilità di restare a lungo in vita.

Che cos’è che allunga la vita alle persone che passano più tempo in compagnia? Il nostro cervello incide molto sulla salute generale e quando ci sentiamo più felici vengono rilasciati ormoni e sostanze che fanno molto bene alla salute e tengono lontane molte malattie.

Il buon umore conta e conta anche molto. Per esempio quando ci sentiamo tristi e stressati dalla solitudine vengono prodotti nel nostro organismo sostanze che possono fare ammalare la persona sola soprattutto se molto anziana, pensiamo a tutti gli ormoni dello stress.

Se teniamo ai nostri nonni o ai nostri genitori anziani andare a fare loro visita più spesso può aiutarli a tenersi più in salute e vivere di più.

Il corpo e la mente, per quanto in Occidente vengano considerati in maniera separata, in realtà hanno molte connessioni. Basti pensare a tutte le malattia psicosomatiche, ovvero malattie fisiche provocate dai disagi a livello psicologico.

Stare meno soli e sentirsi voluti bene e accolti abbassa molto i livelli di ansia, di stress e di depressione. In questo modo anche il corpo è maggiormente in salute e la mente è più lontana da disturbi depressivi e malattia del corpo.

Leggi anche —> Smetti di rimuginare sui problemi e tornare sempre sui soliti discorsi e la tua mente ti ringrazierà

—> La felicità non è solo questione di attimi ma va costruita e coltivata

—> Come definire la competizione a capire se può essere positiva o negativa psicologia

5,0 / 5
Grazie per aver votato!