Corpi borderline: regolazione affettiva e clinica

Rate this post

Corpi borderline: regolazione affettiva e clinica

Il disturbo borderline appartiene ai disturbi gravi di personalità, insieme a quello narcisistico. L’accento si pone sulla mancanza di regolazione affettiva che è alla base dei vari tratti disfunzionali e dei sintomi corporei di queste patologie.

A riguardo di questo interessante argomento ti presento un manuale molto approfondito e esplicativo. L’autrice propone un metodo integrato per la cura dei disturbi gravi di personalità e dei disturbi narcisistici. Ogni capitolo del libro presenta un caso particolare che viene descritto dall’inizio alla fine del trattamento. Questo mostra come lavorare con gli specifici problemi e sintomi che sorgono in questi pazienti. Queste problematiche quasi sempre attaccano il corpo provocando comportamenti bulimici e di autolesionismo.

All’inizio del libro sono illustrate innanzitutto le cause che portano al presentarsi di questo tipo di disturbi, ovvero l’eziopatogenesi. Viene dimostrato come alla base di queste manifestazioni psichiatriche vi siano dei traumi interpersonali a partire dai primi anni di vita. Nel libro viene posta moltissima attenzione al corpo che riceve ampia attenzione nel trattamento ed è visto come il principale tramite dello sviluppo relazionale disfunzionale.

Per approfondire l’argomento del disturbo borderline ti consiglio questo articolo:

Disturbo borderline di personalità: guida avanzata


Invece, per acquistare il libro che ti ho appena descritto sopra, puoi seguire questo link e ti troverai sulla piattaforma Amazon dove potrai acquistare il libro in tutta comodità e riceverlo direttamente a casa tua…!!!

https://www.amazon.it/borderline-Regolazione-affettiva-disturbi-personalit/dp/8832851423/ref=sr_1_6?crid=7UF3B6Q68L8Z&keywords=psicologia&qid=1647523121&sprefix=psicologiaaps518&sr=8-6&tag=gz-blog-21&ascsubtag=0-f-n-av_scienzedelleducazione

“In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione”

La psicoanalisi contemporanea: il “dopo Freud”

Carl Gustav Jung e il transfert: un concetto in evoluzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.