Il bene della conoscenza contro l’ignoranza nei disturbi psicologici

Il bene della conoscenza contro l’ignoranza nei disturbi psicologici

Il bene della conoscenza contro l’ignoranza nei disturbi psicologici

I filosofi e la conoscenza. Uno dei più grandi filosofi della nostra storia, ovvero Socrate scriveva e pensava secoli prima di noi. Essendo il filosofo un pensatore alla ricerca delle verità e della razionalità, Socrate scriveva: “esiste un solo bene, la conoscenza e un solo male, l’ignoranza”.

Questo pensiero oggi più che mai appare attualissimo e ci aiuta a riflettere su quanto la conoscenza possa aiutarci in tante situazioni della vita.

dialogo e conoscenza della realta’

Informarsi, dialogare e conoscere le opinioni altrui ci aiuta ad avere una visuale più ampia della realtà e spesso possiamo renderci conto che il nostro punto di vista è riduttivo.

Quante cose pensavamo che poi si sono rivelate errate!  A volte basta semplicemente aprirsi ad altre prospettive per accorgersi di sbagliare oppure di avere un’opinione errata.

Il confronto è una grande ricchezza che ci apre la via verso altri orizzonti.

Quello che manca oggi è proprio questa capacità di comunicare e di capirsi.

comunicazione e rispetto dell’opinione altrui

Alla base della comunicazione c’è innanzitutto il rispetto dell’opinione dell’altro che deve sentirsi libero di esprimersi e di farsi avanti con le proprie idee.

Quello che spesso manca è questo rispetto, quella capacità di lasciare libero l’altro di mettere in luce le proprie idee.

C’è spesso la volontà di prevaricare, di volere imporre il proprio parere a tutti i costi, senza comprendere le motivazioni altrui.

Ognuno ha un proprio vissuto e comunica in base alle proprie esperienze; ognuno è il protagonista della propria battaglia e solo lui sa quanto ha dovuto combattere per stare al mondo in quel preciso posto e in quel preciso istante.

fear 2083653 640

atteggiamento e ignoranza

L’ignoranza sta proprio in questo atteggiamento che non lascia spazio all’altro di vivere e pensare secondo le proprie credenze.

C’è sempre una maggioranza che cerca di schiacciare la minoranza, senza rendersi conto che anche la minoranza esiste e ha diritto di vivere secondo il proprio modo, ovviamente nei limiti del rispetto.

Per fare un esempio pratico si pensi al grande problema oggi dei disturbi psicologici.

Sono sempre più diffusi i vissuti di ansia, depressione, solitudine, emarginazione ecc.

In merito ai disturbi psicologici c’è tanta ignoranza e tanta indifferenza.

Non essendo problemi di salute direttamente riscontrabili spesso non se ne capisce l’importanza e l’intensità.

C’è una paura della persona nel mettere in mostra le proprie vulnerabilità, le proprie difficoltà a causa dell’opinione comune.

C’è tanta compassione e comprensione di alcune tipologie di problemi di salute come tumori, malattie fisiche in generale ma di disagi psicologici si parla poco.

Sembrano quasi disagi invisibili, poco accettati dall’opinione pubblica e di cui si discute poco. C’è poca informazione e di conseguenza poco aiuto nei confronti di chi soffre.

sofferenza interiore e incomprensione

Chi ha una sofferenza interiore spesso non viene compreso, non viene aiutato perché agli occhi degli altri sembra quasi un malato immaginario.

Questa ignoranza in merito a queste problematiche non ha fatto altro che ingrandirle e diffonderle sempre di più.

Le persone che soffrono di depressione e che si nascondono in questo loro dolore sono tantissime perché in certe circostanze manca spesso il coraggio di aprirsi e parlare apertamente.

Molti disagi vengono sottovalutati, essendo sofferenze della mente e non direttamente diagnosticabili.

La conoscenza è anche questa, sta anche nell’apertura verso il prossimo e nel comprendere le sue sofferenze.

Bisognerebbe stendere meno veli sulle problematiche di tipo psicologico e accogliere di più il prossimo anche quando ci sono degli ostacoli.

La sofferenza psicologica non è una malattia immaginaria, esiste e tantissime persone la provano, i dati e le statistiche ci confermano questa realtà.

Quello che manca oggi e un tipo di ignoranza sempre più diffusa sta nel non voler accettare a 360 gradi l’altro, nella mancata volontà di volerlo capire e abbracciare nelle sue vulnerabilità.

La cultura che manca è proprio quella dell’accoglienza e ognuno dovrebbe rifletterci e fare in modo di non emarginare mai i più deboli.

 

conoscenza.

La conoscenza secondo Edgar Morin

COME studiare al MEGLIO all’università: 3 consigli

La NASCITA e le origini della filosofia in GRECIA

Pubblicato da Silvana Santospirito

Amante della scrittura e della psicologia; animalista che crede fortemente nei diritti di tutti gli esseri viventi; amante anche della musica, in particolare del pianoforte. Laureata in scienze dell'educazione e della formazione e laureanda in scienze pedagogiche. Spero di trasmettere positività e buon umore attraverso gli articoli di questo blog.