Crea sito

Trattenere l’euforia per non entrare in 1 agitazione eccessiva

milky way

Trattenere l’euforia per non entrare in agitazione eccessiva

Può succedere che in alcuni momenti accadano eventi così fortemente piacevoli che abbiamo bisogno di una dose di calma particolare per non entrare in agitazione e in euforia. E’ importante rimanere sempre ancorati al proprio essere più profondo, quello timido e spaventato. Il nostro piccolo bambino interiore non vuole essere disturbato, è lì che si alimenta di ogni nostra emozione, purchè sia equilibrata e tranquilla e di certo l’euforia spaventerebbe il piccolo dentro di noi.

Il nostro piccolo bambino interiore ha bisogno di nascondersi e ha bisogno di avere la propria privacy protetta da ogni attacco esterno. Quando siamo vicini a sensazioni di euforia particolare è importante ricordarsi di quel piccolo bambino che è in noi, proprio come se fossimo donne incinta.

astronaut

Il bambino dentro di noi rimane sempre un bambino e respinge con tutta forza quelle che sono emozioni eccessive e l’euforia perchè quando l’emozione va fuori dal campo del nostro controllo provoca solo danni.

Trattenere l’euforia per non entrare in agitazione eccessiva

Abbiamo tutti la nostra giusta dose di importanza sulla faccia di questa Terra, ma bisogna sempre ricordarsi che veniamo da lontano, da un mondo sconosciuto e affascinante che ci salva ogni volta che stiamo per finire sulla via sbagliata. E’ fondamentale cogliere i segnali di quel mondo che vuole salvarci, quello è il mondo dei nostri antenati, di quelli che hanno costruito i castelli sui mari, che hanno combattuto le guerre, che hanno messo al mondo decine di figli. Quei nostri antenati ci mandano segnali dall’alto e ci avvisano di non entrare mai in situazioni pericolose.

I nostri antenati sono i più esperti del contatto con l’essere profondo, con quel bambino che ci chiede di stare tranquilli e di bere la nostra acqua con calma e solo se assetati.

E’ importante mangiare quando si ha fame e bere quando si ha sete, dormire quando se ne ha bisogno e annoiarsi quando è necessario. Il lavoro è una parte di noi che non deve prendere il sopravvento e deve lasciare spazio a quel mondo misterioso che ci salva ogni volta.

Prestiamo attenzione ai segnali del cielo perchè sono quelli che ci salvano la vita migliaia di volta. La bellezza del cielo è che non si stanca mai di vegliare su di noi. Pensiamo alle stelle…quanto sono importanti? Sono lì che vegliano sulla notte e ci illuminano il cammino anche al buio pesto nel bel mezzo di una foresta fitta fitta.milky way

Gli antenati sono quelli che ci insegnano a vivere, a gioire, a soffrire, ad accettare, a calmarci. Da qualche parte tutto è scritto, c’è un disegno del mondo e della vita di ognuno di noi. Se noi rispettiamo noi stessi e gli altri l’universo darà vita a quel disegno e ci darà tutto ciò di cui abbiamo bisogno e toglierà a noi tutto ciò che non ci occorre. L’euforia è si uno stato di benessere, ma quando diventa troppa si esce fuori dalla nostra essenza e questo può portare squilibrio e confusione.

Bisogna, in ogni momento, ricordarsi della propria essenza e di ciò chi si è realmente, senza lasciarsi trascinare troppo dalle situazioni. Il bello della mente è che può sempre apprendere e trovare il suo equilibrio in qualsiasi circostanza e può trovare un posto sempre accogliente e tranquillo dove poter pensare e rilassarsi.

 

 

euforia. 3 frasi di Albert Einstein illuminanti e positive

Coltivare l’interno per fiorire all’esterno: una regola fondamentale

La conoscenza secondo Edgar Morin

L’efficacia di un trattamento Reiki

Il sogno secondo Carl Gustav Jung

1a regola: usare i social con astuzia, ingegno e soprattutto rispetto

5 passatempi/hobby da fare in casa in tutta comodità

Cos’è la bellezza? E’ l’armonia delle forme!

https://it.wikipedia.org/wiki/Euforia

Pubblicato da Silvana Santospirito

Amante della scrittura e della psicologia; animalista che crede fortemente nei diritti di tutti gli esseri viventi; amante anche della musica, in particolare del pianoforte. Laureata in scienze dell'educazione e della formazione e laureanda in scienze pedagogiche. Spero di trasmettere positività e buon umore attraverso gli articoli di questo blog.