Crea sito

Le cure materne essenziali e una madre sufficientemente buona

Winnicot e la relazione madre-bambino

Lo psicoanalista Donald Winnicot si è occupato a fondo della relazione madre-bambino, andando ad analizzare tutte le necessità fisiche ed emotive di un bambino appena nato. La  nascita e la crescita corretta di un neonato non possono avvenire senza la presenza costante e attenta di un genitore. Il neonato, per la sua sopravvivenza, necessita di essere preso “per mano” e accompagnato con estrema premura nelle sue tappe di crescita.

Il neonato che non viene accolto e accudito scrupolosamente corre il rischio di ammalarsi gravemente sia fisicamente che emotivamente. Un bambino che non ha ricevuto le giuste premure diventerà un adulto molto bisognoso di amore; allo stesso tempo, però, non sarà sufficientemente in grado di riconoscere l’affetto e le attenzioni; porterà, quindi, un vuoto interiore che difficilmente sarà colmato nell’età matura. Carenze affettive infantili provocano ansia, stress e possono portare a vari disturbi psichici.

Non solo nutrimento, ma anche amore e contenimento delle paure

La madre sufficientemente buona, per Winnicot, è un genitore che non solo nutre e accudisce con amore il suo bambino; essa è anche una persona che sa contenere le sue ansie e angosce. Il contenimento da parte del genitore assicura al bambino una vita serena e appagante, lontana dalle angosce e dalla paura. Il neonato difficilmente tollera le angosce e tutte le sensazioni negative che prova a questa tenera età hanno ripercussioni sulla sua vita mentale presente e futura.

La madre buona è attenta e pronta

Il genitore attento riesce a cogliere i segnali della fame, del sonno, dei dolori corporei del bambino e sa rispondere prontamente ai suoi bisogni; la madre buona, quindi, non lascia il suo bambino disperarsi prima di intervenire, ma sa cogliere il momento esatto in cui si manifestano le necessità del piccolo. In questo intervento precoce verso il bambino si manifesta anche il contenimento dei suoi turbamenti. Per il piccolo, non essere accudito in maniera corretta, è una vera e propria fonte di sofferenza; questa sofferenza così precoce può avere forti ripercussioni sulla vita futura del piccolo.

Protezione da pericoli e frustrazione

La protezione è un altro elemento necessario e indispensabile. Il genitore che svolge adeguatamente il suo ruolo protegge il suo bambino dai traumi e dai pericoli del mondo esterno. Il neonato non è ancora pronto a sopportare traumi e frustrazioni ed è, quindi, indispensabile una presenza materna scrupolosa.

Capacità di rispondere al bisogno di affetto

Una madre sufficientemente buona è anche responsiva a livello sia materiale che emotivo. Il genitore attento sa colmare con le sue carezze il grande bisogno di affetto del piccolo venuto al mondo da così poco tempo. La madre buona sa accogliere e calmare con premura i pianti disperati del piccolo, il quale non cerca altro che accoglienza e cure.

La capacità di manipolazione della madre buona

Un’altra caratteristica fondamentale della madre sufficientemente buona è la capacità di manipolazione. Anche il modo in cui il genitore tiene in braccio il suo bambino è importante, anche le carezze devono essere sentite e piene di calore. Nel tenere in braccio il suo piccolo, il genitore riserva a lui un posto sicuro, un posto in cui riporre le sue ansie e i suoi turbamenti. Le braccia delle madre sono proprio il luogo più sicuro al mondo.

Il genitore con i suoi gesti, i suoi movimenti e le sue braccia tiene il piccolo lontano dallo stress. La madre raccoglie dentre di sé tutte le sensazioni angoscianti del figlio e gli assicura, in questo modo, una crescita fisica ed emotiva corretta e in piena salute.

madre.

 

La bellezza del rapporto tra madre e figlio

Emancipazione emotiva dai genitori

Cosa può comportare un’infanzia

difficile?

Stili di attaccamento secondo Bowlby

https://it.wikipedia.org/wiki/Madre

Pubblicato da Silvana Santospirito

Amante della scrittura e della psicologia; animalista che crede fortemente nei diritti di tutti gli esseri viventi; amante anche della musica, in particolare del pianoforte. Laureata in scienze dell'educazione e della formazione e laureanda in scienze pedagogiche. Spero di trasmettere positività e buon umore attraverso gli articoli di questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.