La maggior parte del clero concorda con la scienza sul trattamento della depressione: studio

Rate this post

La maggior parte del clero concorda con la scienza sul trattamento della depressione: studio

Un sondaggio a livello nazionale ha rilevato che il 90% dei membri del clero ha abbracciato una comprensione medica delle cause e del trattamento della depressione. Circa il 10% ha affermato che raccomanderebbe di usare solo mezzi religiosi per affrontare la depressione. “Consideriamo questa buona notizia”, ​​ha detto il coautore dello studio Mark Chaves, professore di sociologia, studi religiosi e divinità alla Duke University di Durham, N.C. “Sappiamo da tempo che molte persone portano i loro problemi di salute mentale al clero”, ha detto in un comunicato stampa dell’università.

“C’è stata preoccupazione per ciò che il clero ha detto loro. Hanno detto loro solo di pregare o di vedere un dottore? Questo dovrebbe dissipare le preoccupazioni”. Il clero può spesso essere il primo punto di contatto per una persona depressa, hanno osservato gli autori dello studio. I risultati del sondaggio sono in gran parte validi per tutte le denominazioni, ha affermato la coautrice dello studio Anna Holleman, ricercatrice postdottorato.

“Non siamo riusciti a trovare nessun sottoinsieme del clero in cui qualcosa, tranne una piccola minoranza, rifiutasse la saggezza medica”, ha detto. Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati del National Survey of Religious Leaders di Duke, che include il clero statunitense in tutto lo spettro religioso. Il sondaggio è stato condotto nel 2019 e nel 2020, in gran parte prima della pandemia di COVID-19.

Ha ottenuto risposte da circa 1.600 leader di congregazione. Ciò includeva circa 890 che erano i principali dirigenti della loro congregazione e le loro risposte sono state utilizzate per questo studio. Gli autori hanno detto che questo è il primo campione rappresentativo a livello nazionale del clero focalizzato sulla depressione. Ha chiesto pareri del clero sulle cause della depressione e sui trattamenti appropriati per essa, ha detto Holleman.

Pochi intervistati erano in contrasto con le cause note o il trattamento per la depressione. Secondo lo studio, sono più favorevoli a combinare il trattamento di un medico con la preghiera e la frequenza in chiesa rispetto a quanto affermato di credere nelle cause mediche e religiose della depressione. “Anche alcuni professionisti laici della salute mentale riconoscono che le attività spirituali o religiose delle persone possono essere risorse che le persone già possiedono e da cui possono attingere in modo benefico”, ha affermato Holleman.

“Vediamo molto potenziale qui per una collaborazione costruttiva tra professionisti della salute mentale e clero”. Le congregazioni protestanti nere e evangeliche bianche erano tra quelle del 10% che rifiutavano i consigli medici a favore delle opzioni religiose, hanno riferito i ricercatori. Rappresentavano ancora una piccola minoranza, circa il 15%, all’interno di quei gruppi. Il dottor Harold Koenig, professore di psichiatria e scienze comportamentali, ha affermato che il divario tra professionisti della salute mentale e religiosi esiste da almeno un secolo.

bible gaca5d2372 640 prayer gf196b705b 640

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *