Il romanticismo in filosofia, verso l’infinito

Il romanticismo in filosofia, verso l’infinito
Rate this post

Il romanticismo in filosofia, verso l’infinito

il pensiero romantico tra il secolo 18 e 19esimo

Tra il diciottesimo e l’inizio del diciannovesimo secolo i tempi sono dominati dal pensiero romantico che influisce fortemente sulla concezione della vita, sulla cultura e sull’arte.

Il romanticismo si presenta come una reazione al razionalismo illuministico e trova il suo centro di sviluppo di Germania, da cui si diffonde in tutta Europa acquistando diverse caratteristiche.

il romanticismo nega e allontana la ragione degli illuministi

Il romanticismo, nella sua negazione del valore dato alla ragione dagli illuministi, attinge alle antiche correnti mistiche della filosofia germanica e esprime un anelito verso l’infinito, l’eterno, l’assoluto.steampunk g7653e71d6 640

nuova importanza a sentimento, fede e fantasia

Alla soddisfazione di questo anelito possono concorrere il sentimento, la fede o la fantasia. Per questo alcuni romantici identificano la filosofia con l’amore, altri con la religione, nella quale la fede è un fatto più di sentimento che di fede, altri ancora con l’arte ecc.

nuovo valore a forze istintive e primitive

Vengono per questo valorizzate le forze istintive e primitive dell’animo umano, viene affermato il valore creativo del genio, viene esaltata la figura del titano, nella sua insofferenza e ribellione verso il finito.

Nel quadro di questa concezione si inserisce la divinizzazione romantica della natura: la natura viene identificata col principio divino, nel solco della tradizione filosofica panteistica.

Un’unica forza spirituale si estende per tutto l’universo; le forze fisiche e i fenomeni sensibili sono solo manifestazioni e simboli di essa. Per ciò le scienze naturali non sono in grado di far conoscere la vera essenza delle cose.

la riscoperta della storia e del passato

Il romanticismo valorizza la ricerca storica e considera la storia come un processo provvidenziale e necessario, dotato di una sua razionalità infinita. Esalta il passato, in cui vede contenuti in potenza il presente e il futuro e in particolare il Medioevo.

Viene difesa e valorizzata l’anima dei popoli cioè il patrimonio dei costumi, tradizioni, culti ecc. di ciascuna nazione. Perciò l’esaltazione delle libertà nazionali si accompagna con l’affermazione di forme politiche tradizionali.

 

florence g6d1ed6743 640

Pensare male è meglio di non pensare affatto

Non esiste la fortuna, ma il talento e l’occasione

3 FILOSOFI IONICI: Talete, Anassimandro e Anassimene

DANTE Alighieri spiegato in maniera SEMPLICE

Pubblicato da Silvana Santospirito

Amante della scrittura e della psicologia; animalista che crede fortemente nei diritti di tutti gli esseri viventi; amante anche della musica, in particolare del pianoforte. Laureata in scienze dell'educazione e della formazione e laureanda in scienze pedagogiche. Spero di trasmettere positività e buon umore attraverso gli articoli di questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.