Crea sito

Il periodo precritico di Immanuel Kant

bustos

Il periodo precritico di Immanuel Kant

Immanuel Kant è considerato il filosofo del criticismo. Kant nacque a Koenigsberg nel 1724 e studiò fisica e matematica; si appassionò in particolare alle teorie di Newton e pubblicò un importante scritto nel 1755 chiamato “Storia generale della natura e teoria del cielo”.

All’inizio dei suoi studi Kant seguì la filosofia razionalistica di Leibniz che sosteneva che la ragione, con i suoi principi innati, può conoscere in maniera indipendente dall’esperienza dei sensi.

Come detto in precedenza Kant fu attirato in maniera particolare anche dalle teorie di Newton e formulò un’ipotesi sull’origine del mondo secondo di principi Newtoniani: la nebulosa primitiva dal cui moto rotatorio avrebbero preso origine il sole e i pianeti.

Immanuel Kant.

Il filosofo, quindi, tentò di conciliare le teorie di Newton con le teorie di Leibniz. Il meccanicismo di Newton caratterizza il mondo fenomenico mentre la metafisica di Leibniz è considerata il fondamento della realtà.

Più avanti Kant si rese conto che queste due teorie erano inconciliabili, in quanto la concezione dello spazio e del tempo era completamente diversa nelle due teorie.

Compito di Kant fu in particolare quello di fondare la legittimità delle scienze moderne e indagare le condizioni che consentono l’esercizio della ragione umana. Così il filosofo promosse la “critica della ragione” che apparteneva alla corrente illuministica.

Kant inizialmente ai suoi studi si considerava un razionalista ma successivamente dichiarò di essere uscito dal sonno dogmatico grazie ad Hume e si convinse che non era possibile una conoscenza che non poggiava in qualche modo sull’esperienza sensibile.

Immanuel Kant

Per Kant conoscere vuol dire giudicare e per questo la sua filosofia è detta “criticismo”, dal greco Krinein che appunto vuol dire “giudicare”.

Kant attuò anche quella che venne definita la “rivoluzione copernicana” nel campo teoretico; anche il filosofo, come Copernico, aveva rivoluzionato la prospettiva di osservazione dell’universo mettendo al centro dell’universo il sole e non la Terra.

In base alla rivoluzione Copernicana di Kant fu spostato anche al centro dell’osservazione il soggetto e non l’oggetto e la conoscenza venne considerata come una costruzione.

L’originalità di Kant fu quella di mettere al centro l’uomo nei confronti della realtà conosciuta. L’uomo, quindi, non è più soltanto quello che trasforma la natura per i suoi bisogni, ma è anche quello che ordina la natura nel momento in cui la conosce. Infatti, la natura è il risultato della conoscenza dell’uomo.

Secondo il filosofo, l’io è il legislatore della natura, nel senso che non è il soggetto a subire in maniera passiva l’oggetto, ma è il soggetto con la sua attività conoscitiva a formare, illuminare e disciplinare l’oggetto.

Il filosofo Immanuel Kant, come tutti gli altri grandi filosofi del passato, fanno riflettere in maniera riflessiva e razionale sulle cose e sulla realtà, cercando di dare un senso e una spiegazione alla conoscenza della natura delle cose.universo.

La filosofia affascina e illumina, rendendo più chiara la visuale della realtà e può essere utile anche a chi si occupa di scienze psicologiche per avere una visione più ampia della ragione e della mente con le sue strutture e con i suoi pensieri.

Il fascino della filosofia e la grande quantità di tematiche che affronta trasmettono in chi la legge una vasta cultura, aiutando la persona a soffermarsi sul significato delle proprie esperienze e delle proprie azioni. Lo studio dell’origine dell’universo, della natura e di tutte le sue cose illumina la mente e lascia spazio alla riflessione profonda e ragionata.

filosofi.

Celebri pensieri Taoisti che fanno pensare

Il sogno secondo Carl Gustav Jung

La psicoanalisi contemporanea: il “dopo Freud”

Amore e nevrosi secondo Sigmund Freud

La mente infantile di Piaget: una teoria interessante

Lo stadio dello specchio: 1 teoria di Lacan

Lo sviluppo mentale: cultura o biologia? 1 Teoria di Lev Semenovic Vygotskij

La conoscenza secondo Edgar Morin

Psicologia delle folle: le illusioni della massa secondo Le Bon

filosofia.

Pubblicato da Silvana Santospirito

Amante della scrittura e della psicologia; animalista che crede fortemente nei diritti di tutti gli esseri viventi; amante anche della musica, in particolare del pianoforte. Laureata in scienze dell'educazione e della formazione e laureanda in scienze pedagogiche. Spero di trasmettere positività e buon umore attraverso gli articoli di questo blog.