Gravidanza psicotica: (cosa devi sapere)

5/5 - (2 votes)

Gravidanza psicotica: (cosa devi sapere)

Che cos’è una gravidanza psicotica?

Episodio di gravidanza psicotica

La gravidanza psicotica può essere un episodio singolo o ricorrente nella vita di una donna che soffre di questo particolare tipo di problematiche. Si tratta di una falsa gravidanza dovuta a un’alterazione psicotica della mente. La psicosi è una perdita di contatto con la realtà per cui si possono fare pensieri e credere cose che hanno poca aderenza con la realtà esterna.

La gravidanza psicotica si può manifestare in diversi modi: scarso ciclo, aumento di peso, presenza di addome gonfio simile ad una vera gravidanza.

La donna con una gravidanza psicotica può fare ripetuti test di gravidanza che tuttavia possono risultare negativi ma lei può credere ugualmente di essere incinta. Questa gravidanza psicotica quindi è una FALSA gravidanza e non si sta aspettando nessun bambino.

La donna, desiderosa di avere un figlio, può cadere in questa psicosi mentale e credere erroneamente di essere incinta. Nonostante vi siano prove che la donna non è incinta, lei può trovare lo stesso delle motivazioni che spiegano il suo stato, ovvero una presunta gravidanza.

La presenza di un addome gonfio può far credere anche agli altri di questo suo stato interessante, ma in realtà è il corpo che si modifica in risposta allo stato psicotico. Quindi, anche in presenza di una “pancia”, se si tratta di gravidanza psicotica la donna non aspetta un bambino.

Per accertarsi di una gravidanza è necessario che un test di gravidanza risulti positivo e che lo stato sia accertato da un’ecografia di un ginecologo. E’ assolutamente necessario in caso di gravidanza psicotica l’intervento di un medico, nella maggioranza dei casi si necessita di uno psichiatra.

Questi episodi possono colpire le donne nella fascia di età fertile ma anche in età più avanzata. Probabilmente è tale il desiderio di un figlio che si può cadere in questa trappola mentale a cui bisogna prestare particolare attenzione.

La MATERNITA’ e il lato CREATIVO

La psicoanalisi contemporanea: il “dopo Freud”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.